Monstress vol. 5 - Guerriera, di Marjorie Liu & Sana Takeda

24 Nov 2021

Libri

Torniamo a parlare di fumetti e graphic novel, vi va?
Oggi voglio dedicare il mio articolo a una serie fantasy-steampunk tutta al femminile, che io sto amando davvero tanto! Non conosco il numero totale di volumi - visto che sono in corso d'opera - ma ormai che sono così entrata nella storia devo assolutamente sapere come andrà a finire. Anche perché quello che ti lascia sicuramente la lettura di ogni singolo libro è tanta, troppa, curiosità!
Di Monstress avevo già parlato (trovate i miei pareri del Vol.1, Vol. 2, Vol. 3, e Vol.4 semplicemente cliccando sui link!), ma a ottobre sono riuscita a recuperare anche il quinto! Ovviamente se non avete ancora letto nulla, non vi consiglio di continuare: pur stando attenta agli spoiler ogni volta, non so quanto capirete. Quello che so è che se amate i graphic novel ricchi di intrighi, sentimenti, mostri interiori, ma anche crescita, una gran presenza di personaggi femminili, e un mix di fantasy e steampunk ve lo consiglio.


A tratti può essere anche crudo, in fondo soprattutto in questo numero ci si sofferma molto sulla guerra, ma le tavole sono così belle da guardare e la storia così coinvolgente - e ancor ricca di domande - che ne resterete ammaliati. O almeno a me è successo!


Combatti per qualcuno, non per qualcosa.

 

 

© una valigia ricca di sogni - marta.sognatrice

Nel Quinto Volume di Monstress, intitolato Guerriera, la penna di Marjorie Liu e le incantevoli tavole di Sana Takeda ci portano di nuovo nelle terre del Mondo Conosciuto, dove ormai incombe una nuova guerra tra la Federazione Umana e l'Impero Arcanico. 
Maika, però, sempre in compagnia del Cavaliere della Corte del Crepuscolo Sir Corvin e della piccola Kippa, ha un obiettivo personale: trovare gli altri frammenti della maschera forgiata dalla Sciamana-Imperatrice in grado di evocare un Dio Antico e di rispondere a molte delle domande ancora senza risposta sul suo passato, la profezia che la riguarda, e il legame che la lega a Zinn, la creatura d'incubo che si nasconde in lei e lacera il suo corpo e la sua anima. Tuttavia, l'esercito della Federazione Umana con le sue armi altamente tecnologiche e la magia delle Streghe della Cumaea minaccia Ravenna, una delle roccaforti degli Arcanici, e la mezza-lupa deve fare una scelta: rimandare per un po' il suo progetto personale e aiutare quelli della sua razza, o pensare solo a se stessa e proseguire il viaggio?

Sebbene possa sembrare un personaggio burbero e violento, Maika decide di porsi al comando delle forze arcaniche, mettendo al loro servizio il suo potere e la sua forza - anche in maniera spietata -, per contrastare l'avanzata degli umani; dimostrando ancora una volta come, nonostante il “suo problema”, continui a lottare con tutta se stessa per non perdere la sua umanità, e l'amore. Il suo è un conflitto interiore non facile da gestire, perché non essere in grado di controllare la fame del mostro dentro di lei, significa commettere atrocità che non riesce mai a ricordare, ma quando scoperte, l'annientano dentro. Dietro quella scorza dura e prepotente, che ha dovuto creare per resistere in un mondo tanto crudele, si cela una ragazza che ha bisogno di comprendere il suo passato, che si sente tradita da chi l'ha messa al mondo (e non solo) e disposta a tutto pur di proteggere le persone che ama, tra cui la dolce Kippa.

Kippa, la piccola volpe, è costretta a scontrarsi con la crudeltà della guerra che non guarda in faccia a nessuno. La sua ingenuità la spinge a commettere un atto apparentemente solidale, che però si rivela essere una temibile trappola, pronta a portare la morte e la distruzione.


La fiducia non sopravvive senza la verità.  

La guerra, dunque, è il fulcro di questo volume.
Una guerra evocata anche dalle meravigliose e toccanti, quanto a tratti crude, tavole che mettono in luce la tragedia: uno scontro che spezza legami e famiglie, un orrore che mette anche amici l'uno contro l'altro, che annienta le speranze, i sogni, e la vita dei più piccoli.

Eppure tra l'orrore, la paura, gli inganni e i tradimenti, c'è anche spazio per l'amore, la luce, l'umanità, che sono incarnate soprattutto proprio da Maika, nonostante tutto, e dalla tenera Kippa.

Monstress 5 - Guerriera, è quindi un volume più movimentato, che lascia - in parte - le parole in sottofondo, dando pieno spazio all'azione, pur presentando comunque una struttura del tutto simile a quella dei precedenti capitoli. C'è, infatti, un alternarsi tra passato e presente, anche attraverso sogni e ricordi, che porta a galla nuovi importanti tasselli delle storie di Maika e Zinn, il Dio Antico a cui è strettamente connessa. Tanti piccoli frammenti che pian piano iniziano a concatenarsi l'uno all'altro, dando nuove risposte, ma lasciandone alcune ancora in attesa. E ci sono anche degli stacchi rapidi - che possono però spiazzare un po' il lettore - sui vari personaggi, e i differenti luoghi: dalle due Corti, dell'Alba e del Crepuscolo, fino al gioco più sottile e misterioso perseguito dalla Corte del Sangue, guidata dal padre di Maika (conosciuto nel precedente capitolo), e da una figura di cui vorremmo saperne molto di più!

Intrighi e segreti continuano ad accendere la curiosità del lettore - o almeno sicuramente la mia! -, e resta la voglia di leggere ancora per saziarla. Anche se alcune linee iniziano a essere più chiare.

Tra queste pagine si scorge ancor di più quella miscela perfetta tra il fantasy, con la creazione di un mondo con le sue tante razze e la presenza della magia, e lo steampunk, che si riflette soprattutto sui disegni degli abbigliamenti, delle armi e dei meccanismi tecnologici utilizzati anche nella battaglia.


Insomma, come dicevo, io continuo ad amare moltissimo questa serie, e mi perdo nelle bellissime tavole, con disegni che personalmente mi fanno impazzire! Non vedo l'ora di proseguire il viaggio!

IL LIBRO

Monstress vol. 5 - Guerriera
Marjorie Liu, Sana Takeda
Casa editrice: Mondadori
Traduzione di: Alessandra Di Luzio
Pagine: 176
Prezzo: 19.00€
Anno di pubblicazione: 2021
Commenti
Ancora nessun commento.

TAGS